Dimagrire Senza Dieta: come si fa?

BUONI propositi per il 2017: Mangiare Sano senza rinunciare al Gusto. Impara a farlo con il PRIMO corso di Cucina Antiaging a Milano
11 gennaio 2017
Airbnb sceglie Cucina Evolution! A cura di Ilaria Roncaioli, Culinary Nutritionist di Cucina Evolution
27 gennaio 2017

Dimagrire Senza Dieta: come si fa?

Una carbonara saporita, una cotoletta fritta deliziosa, una pizza golosa, la bontà di un muffin al cioccolato e molto altro, sono solo alcune delle leccornie alle quali chi ama la buona cucina non riesce a rinunciare. Ed è giusto non farlo, perché mangiare cose Buone che fanno anche Bene si può, l’importante è sapere come farlo.

Sempre più spesso infatti si sente parlare di diete assurde o restrittive, come quelle proposte ultimamente da un NON addetto ai lavori come il dott. Lemme, e chi segue particolari regimi dietetici incorre in errori alimentari comuni che, a distanza di tempo, possono portare a serie conseguenze per la salute. Nella grande maggioranza dei casi, questo fenomeno dipende dalla cattiva o scarsa informazione e dalla fretta di molti di voler perdere peso e rimettersi in forma in poco tempo, magari rinunciando a cibi che, a differenza di ciò che si possa pensare, hanno invece effetti positivi sul nostro organismo.

Vi sveliamo un segreto: le diete NON funzionano e il mondo scientifico ha annunciato il loro fallimento. Le rinunce tipiche delle diete portano infatto ad un effetto Yo-Yo che ci porta a recuperare i chili persi dopo il periodo di dieta. Per mantenere il peso perduto occorre stare a dieta tutta la vita e questo favorisce uno stato d’animo negativo e infelice.

Perdere peso senza dieta si può ad una condizione: imparare a cucinare i piatti che più ci piacciono mantenendo gli stessi ingredienti, ma con meno calorie e più vitamine. E’ quello che insegniamo in Art joins Nutrition Academy ai cuochi e nei corsi di cucina evolution a chi cucina a casa!

Non affidiamoci quindi ai consigli del primo che capita o di finti esperti del settore e consideriamo la nutrizione in modo serio, facendoci supportare da esperti del settore.

Cucina Evolution è il nuovo modo di fare cucina che aggiunge ai piatti della tradizione culinaria italiana un ingrediente in più, il benessere antiaging, e che seguendo le linee guida dei principali organismi internazionali della sanità insegna come cucinare i piatti più golosi della nostra tradizione con meno calorie, grassi e zuccheri semplici, e più antiossidanti, vitamine, minerali e fibra. Mantenendo gli ingredienti della tradizione!

Perdere peso senza rinunciare al Gusto, facendo anche del bene a se stessi, con Cucina Evolution non è più un’utopia ma una sana realtà e basta poco per farlo.

Con Cucina Evolution la tradizione si evolve! Scopri la differenza tra una Amatriciana Evolution e quella tradizionale. Preparala a casa tua, compara le ricette e … assaggiare per credere!

 

Scopri il metodo Cucina Evolution e impara a cucinare piatti Golosi che ti fanno anche Bene

 

RICETTA DELL’AMATRICIANA EVOLUTION (una porzione ha meno calorie e più fibre di 100 g di riso in bianco condito con 1 cucchiaio di olio!)

INGREDIENTI PER UNA PORZIONE:

Pasta 70 g

Guanciale 30 g

Pecorino 8 g

Salsa di pomodoro 100 g

Inulina 2 g

Pepe e peperoncino a piacere

VALORI NUTRIZIONALI:

Proteine 13 g

Grassi 10 g

Carboidrati 58 g

Fibra 5  g

Energia 385 Kcal

PREPARAZIONE:

  1. Togliere la cotenna al guanciale e tagliarlo finemente.
 Appoggiarlo su carta assorbente e cuocerlo al microonde per 1 minuto a massima potenza: deve risultare croccante e il grasso si deve sciogliere. Se necessario ripetere l’operazione cuocendo per un altro minuto al microonde. Tamponare il guanciale bene con carta assorbente per eliminare il grasso in eccesso. Il guanciale così croccante si taglierà con un coltello in modo da ottenere una polvere di guanciale.
  2. In una pentola cuocere il pomodoro con metà del guanciale per almeno 30 minuti a fuoco basso inserendo l’inulina. Condire con pepe e peperoncino a piacere. Nel frattempo cuocere la pasta in acqua bollente con poco sale.
  3. Grattugiare il pecorino con una microplane.
  4. Scolare la pasta al dente e saltarla nel sugo con metà del pecorino.
 Impiattare e guarnire il piatto con il restante guanciale e pecorino per la guarnizione.

 

AMATRICIANA TRADIZIONALE

INGREDIENTI PER UNA PORZIONE:

Pasta 70 g

Guanciale 50 g

Pecorino 25 g

Salsa di pomodoro 100 g

Olio di oliva extravergine 10 g

Pepe e peperoncino q.b.

VALORI NUTRIZIONALI:

Proteine 18 g

Grassi 55 g

Carboidrati 58 g

Fibra 3 g

Energia 799 Kcal

 

3 motivi che rendono l’Amatriciana Evolution, un piatto buono da morire… anzi “buono da vivere”.

  • Più sazi con la fibra.

L’inulina è una fibra vegetale di tipo solubile che si estrae naturalmente dalla cicoria. Grazie all’aggiunta di questo ingrediente, nel nostro piatto abbiamo i benefici della pasta integrale utilizzando la pasta bianca. Perché è così importante la fibra? La fibra aumenta il volume del contenuto gastrico, distendendo le pareti dello stomaco. Questo produce un maggiore senso di sazietà e ci aiuta a mangiare meno. Inoltre rallenta e in parte impedisce l’assorbimento di zuccheri e grassi, compreso il colesterolo, facendoci risparmiare calorie. L’inulina è un potente prebiotico in grado di nutrire la microflora intestinale positiva: è più benefica di uno yogurt!

  • Meno grassi e calorie con il metodo di cottura giusto.

Un solo grammo di grasso ci fornisce ben 9 calorie. Con una Amatriciana Evolution è possibile ridurre del 50% il contenuto di grassi del guanciale facendolo tostare in padella. Questo metodo di cottura (reazione di Maillard) ci permette di renderlo croccante in modo da esaltarne gusto e aromi e di risparmiare calorie. Il risultato è un piatto gustoso un quinto dei grassi presenti in una porzione di amatriciana tradizionale.

  • Più sani e più belli con il pomodoro

La passata di pomodoro è ricca di licopene un carotenoide che gli dona il colore rosso ed impreziosisce il nostro piatto di antiossidanti. La cottura prolungata del pomodoro ci permette di aumentare il potere antiossidante. Il calore libera il licopene dalle pareti cellulari del pomodoro aumentando di cinque volte il suo assorbimento intestinale e rompendo la sua struttura molecolare lo rende maggiormente attivo a livello cellulare. Il guanciale ci assicura la presenza dei grassi che ne facilitano l’assorbimento. Il licopene è in grado di proteggere la nostra pelle più di una crema antirughe in quanto penetra all’interno delle cellule epiteliali, agendo in profondità.

Ora non vi resta che andare in cucina e mettervi all’opera per preparare un’amatriciana bella, buona e che fa bene.

amatriciana