ECCO ALCUNI CONSIGLI CHE CI AIUTANO A DIMINUIRE LE QUANTITÀ di CALORIE IN UN DOLCE

BUON NATALE!!
25 dicembre 2014
LO SCRIGNO Gusto&Benessere. Acquista!
27 dicembre 2014

ECCO ALCUNI CONSIGLI CHE CI AIUTANO A DIMINUIRE LE QUANTITÀ di CALORIE IN UN DOLCE

Un aspetto importante è quello di concederci un dolce quando effettivamente abbiamo bisogno di energia. Il momento più opportuno è al mattino a colazione, quando il nostro corpo ha bisogno di «carburare» e brucia subito gli zuccheri: meglio quindi un tiramisù a colazione che dopo cena!

I consigli riportati in questo articolo sono tratti dal libro “Antiaging con gusto” della Dott.ssa Chiara Manzi, acquistalo qui.

Il primo è quello di aumentare le fibre del dolce: accrescono il volume e diminuiscono quindi la densità calorica e zuccherina del dolce. Ricordiamo che la fibra, oltre a dare volume al dolce e diminuirne la densità calorica, rallenta e in parte impedisce l’assorbimento dello zucchero.

Un altro modo di aggiungerla è quello di inserire frutta e verdura nel nostro dolce. Il frutto più ricco di fibra in assoluto è il lampone, seguito da castagne, mele, pere e frutti di bosco. Fichi secchi e prugne secche sono anch’essi un concentrato di fibra, ma contengono anche zucchero in quantità cospicua. 

L’utilizzo della farina integrale ovviamente aggiunge fibra, ma anche le farine di segale e soia sono ricchissime di fibra. Inoltre la farina di soia è un alimento antitumorale.

La nostra giornata si può colorare con sani peccati di gola se sappiamo arricchire i nostri dolci di fibra, vitamine, minerali e antiossidanti e delle giuste quantità di zuccheri e grassi!

ALTRI SUGGERIMENTI?
Puoi trovarli nel libro GUSTO E BENESSERE della Dott.ssa Manzi. Acquistalo qui.