Un raviolo contro i radicali liberi

Per il cuore? Una tazza di cioccolata!
7 gennaio 2015
Pelle giovane e sana grazie alle verdure!
9 gennaio 2015

Un raviolo contro i radicali liberi

Le uniche sostanza che alla luce della ricerca scientifica più recente sembrano agire direttamente contro i radicali liberi sono tre: la vitamina C, la vitamina E e il licopene.

La vitamina C viene assimilata molto facilmente a livello intestinale;
non viene però accumulata dall’organismo, per cui è fondamentale un apporto giornaliero costante. Ne bastano 100 milligrammi al giorno, pari a un’arancia o un kiwi, e farne il pieno ogni giorno con alimenti naturali è l’ideale. Ricordiamoci però che la vitamina C si disperde facilmente a contatto con l’acqua in quanto è idrosolubile e si denatura a contatto con l’ossigeno, perdendo la sua funzione antiossidante.
L’ossidazione della vitamina C viene velocizzata dal calore.

Ecco una ricetta ricca di fibra, sali minerali e vitamine!

Ravioli di kiwi  di Dan Per e Chiara Manzi

Ingredienti per 4 persone
2 kiwi grandi
120 g di gelato di lime
24 g di riduzione di aceto balsamico
rametti di menta

Tagliare i kiwi a fette finissime, adagiarci sopra un cucchiaino di gelato al lime, chiudere il raviolo con un’altra fetta di kiwi e mettere in congelatore, coperti da pellicola.
Servire su riduzione di aceto balsamico e guarnire con rametti di
menta.

L’arte dello chef
Dan Per è un famoso chef francese, noto per le sue ricette facili e veloci. Ci propone un modo semplice e rapido di preparare la frutta!
More&Less
PIÙ fibra, sali minerali e vitamine grazie alla frutta che, non subendo
alcun tipo di cottura, conserva tutte le sostanze nutritive contenute.
Gli abbinamenti vincenti
L’aggiunta della riduzione di aceto balsamico permette di conferire
un sapore che si sposa perfettamente con il dolce della frutta e l’acidità del lime.
I vantaggi del metodo di preparazione
L’uso della frutta cruda consente di preservare anche la vitamina C, molecola che viene persa con il calore. Inoltre, congelare l’alimento
permette di mantenere le sostanze nutrienti più a lungo: per esempio, la stessa vitamina C, oltre a essere sensibile al calore, lo è anche all’ossigeno, essendo una molecola antiossidante; quindi chiudendo e congelando il prodotto vengono rallentati i processi degradativi e di ossidazione, conservandone la maggior parte.

Comments are closed.